Proverbi

 

                                                             CIBO  
1 A fame fa ascì u lupe d'o uoske La fame fà uscire il lupo dal bosco
2 A fame nne tene l'uocchje La fame non ha gli occhi
3 A rasce nn'a freche nisciune L'abbondanza non la frega nessuno
4 A trippa chiene s'arraggione meglje Con la pancia piena si ragiona meglio
5 A trippa se chiame pellecchje: cchiù ne mine e cchiù se stenerecchje La pancia si chiama pellicina: più ne butti e più si stiracchia
6 Carne de puorche, scàlefe e mmjne nguorpe Carne di maiale, riscaldala e mandala giù
7 Chi conze e sconze,  nne perde maje u tiembe suje Chi condisce e assaggia, non perde mai il suo tempo
8 Chi mange assaje, tene delure assaje Chi mangia molto, ha molti dolori
9 Chi sta dejune è bbuone, chi perdone è cchiù bbuone Chi sta digiuno è un bene, chi perdona è più buono
10 Chi tene u pane, nne tene diente;chi tiene i diente, nne tene pane Chi ha il pane, non ha i denti; chi ha i denti, non ha il pane
11 Chi voule menà a vita caneske, pane perute è acqua frescke Chi vuole condurre una vita da cani, pane mucido e acqua fresca
12 Dùdece so i mise e trìdece i lune, a cchiù notta rosse è quante te cùleche dejune Dodici sono i mesi e tredici le lune, la notte più brutta è quando ti corichi digiuno!
13 E capace de se mangià l''Ofete E' capace di mangiarsi l'Ofanto
14 Faje u veccone pe quante jè a vocche Fai il boccone per quanto è la bocca
15 Faje u veccone ruosse e te strafuoche Fai il boccone grande e muori soffocato
16 I bescotte a chi nne tene diente I biscotti a chi non ha i denti
17 I chiàcchiere nne dènghiene a trippe! Le chiacchere non riempiono la pancia
18 Maccarune stise, caudare mpise Maccaroni messi ad asciugare, caldaia appesa
19 Mange col tuo mange Mangia con la tua roba
20 Mmetà a maccarune e carne Invitare a maccheroni e carne
21 Nne mangià manghe pane Non mangiare neanche pane
22 Pane, cepolle e core cuntente Pane, cipolla e cuore contento
23 Pane pane, vine vine Pane pane, vino vino
24 Pizza càude e casa de quaglje Pizza calda e formaggio con i buchi
25 Poche, ajme e chjene de cènnere Poco, azzimo e pieno di cenere
26 Quante a vocche macine e u cule rende, se fotte u mìdeche, i medecine e chi i venne Quando la bocca mastica e il culo fa i peti, si fotte il medico, le medicine e chi le vende
27 Sacche vacante nne ze mantene alerte Sacco vuoto non si mantiene in piedi
28 T'abbuffe cum'a nu ruospe Ti riempi la pancia come un rospo
29 Tiene sta lòpeche! Hai una tale fame!
30 Trippe, sicce e carne de vaccine, sbrevogne a chi cucine Trippa seppia e carne di vitella, fa fare brutta figura a chi cucina, -perché si restringono-
31 U ciucce nne tene uorge e rraglje L'asino non ha biada e raglia
32 U rasse è rrevate o core Il grasso è arrivato al cuore
33 U sazje nne crede o dejune Chi è sazio non crede a chi è digiuno
34 U uine jè u latte d'i vicchje Il vino è il latte dei vecchi
35 Vjate a tte, pòveru cafone, ca te mange pane e cardone! Pòvre a mme, mòneche sventurate, a mezzejuorne carne e a sere frettate! Beato te, povero cafone, che mangi pane e cardo! Povero me, monaco sventurato, a mezzogiorno carne e di sera frittata

 

                                                   RISPARMIO  
1 Acene àcene, se fa a màcene  Ad acino ad acino, si raccoglie per la pigiatura
2 A mangiate Patracche, à mangiate pane, cepolle e acque; nn'u decèssene cchiù i vecine ca Patracche se mange cocce de ialline; tuocche sta cape d'aglje, a tate, ca s'a mange Patracche dumane matine Ha mangiato, Patracche, ha mangiato pane, cipolla ed acqua; non lo dicano più i vicini che Patracche mangia teste di galline; tocchi questa testa d'aglio, a papà, che la mangia Patracche domani mattina
3 A nt'ò live e nne ce ne mitte, quante vaje ce truove nitte Dove togli e non metti, quando vai trovi pulito
4 Ciente poche fanne assaje Cento pochi fanno molto
5 E mò faje case a tre selare! Ed ora fai casa con tre solai!
6 E' sparagnà quante tiene e nnò quante nne tiene Devi risparmiare quando hai e non quando non hai
7 L'uoglje p'addore e u sale pe sapore L'olio per odore ed il sale per sapore
8 Mìtte a chiave a casce quante stà a rasce! Metti la chiave alla madia quando c'è l'abbondanza
9 Mìtte i solde sott'u matone Conserva i soldi sotto il mattone
10 Nne mangià pe nne cacà Non mangiare per non cacare 
11 Nne mettenne maje troppa carne a coce Non mettere mai troppa carne a cuocere
12 Nne te fermanne maje a prima taverne Non ti fermare mai alla prima osteria
13 Nne te mangianne maje tutte quille ca tiene Non ti mangiare mai tutto quello che hai
14 Pe mantenè bbone a case ogn'anne ce dà nu uase Per conservare bene la casa, ogni anno le devi dare un bacio
15 Sàbete e code e dumèneche a sarache Sabato la coda e domenica l'alice
16 Sparagnà e cumbarì Risparmiare e fare bella figura
17 Stipe ca truove Conserva che trovi
18 Stipe sierpe ca truove anguille Conserva serpenti che trovi anguille
19 U meglje uadagne jè u sparagne Il mioglior guadagno è il risparmio
20 U poche abbaste, u saje fenisce Il poco è sufficiente, il molto finisce
21 U sparagne nen'è guadagne Il risparmio non è guadagno
22 Vennute, fenute Venduto, finito
23 Ze Pasquale Vellagge, mangiave pane tuoste pe cumpanagge Zio Pasquale Villaggio, mangiava pane duro per companatico

 

                             RICCHEZZA E POVERTA'  
1 A carne se iette e i cane s'arràggene La carne si butta e i cani litigano
2 A case d'u pezzente nne mànchene stòzzere A casa del pezzente non mancano tozzi di pane
3 Accatte a culme e vìnne a varre Compri col colmo e vendi togliendo
4 A chi tante e a chi niente A chi tanto e a chi niente
5 A pruprietà dure tre generaziune: chi s'a stente, chi s'a gode,  chi s'a fenisce La proprietà dura tre generazioni: chi se la suda, chi se la gode  e chi se la sperpera
6 A rrobbe de Dintelentà, cume vene accussì se ne va La roba di Dintelentà come viene così se ne và
7 A tante l'amme accattate, a tante l'amme vennute A tanto l'abbiamo comprata, a tanto l'abbiamo venduta
8 A terre sta nterre! La terra stà in terra!
9 Che l'uocchje e cche mmite, peducchje nquantita! E hai la pretesa di rivolgere inviti,  tu che hai pidocchi in quantità
10 Chi accatte fatte e bbuone, n'accatte manghe l'acque Chi compra bell'è fatto, non compra neanche l'acqua
11 Chi cchiù spenne mene spenne Chi più spende meno spende
12 Chi messa vede, Ddje pruvvede, chi messa sente, devente pezzente Chi messa vede, Dio provvede, chi messa sente, diventa pezzente
13 Chi nn'à purtate maje vrache, quante i porte s'ì cache Chi non ha portato mai brache, quando le porta le sporca di cacca
14 Chi poche spenne, cchiù spenne Chi poco spende, spende di più
15 Chi sparte recchezze, devente puvertà Chi divide la ricchezza, la tramuta in povertà
16 Chi tene i solde che nn'ave che ne fa, accatte pecure e i dà a uardà Chi ha soldi e non ha che farne, compra pecore e le dà a pascolo
17 Chi tene poche pècure e poche vigne, une jè rugne e n'aute jè tigne Chi ha poche pecore e poca vigna, l'una è rogna e l'altra è tigna
18 Cuscienze e denare, nneze sape chi i tene Coscienza e denaro, non si sà chi li ha
19 E' fa a cammise quante tiene a tele Devi fare la camicia quando hai la stoffa
20 Damme nu poche de pupecielle pe ntrezzà  ca nne ce sta manghe nu poche pe mangià Dammi dei peperoncini da intrecciare, perché non c'è niente da mangiare
21 I dete d'a mane nne zò tutte sozze Le dita della mano non sono tutte uguali
22 I manghe trente pe fa trentune Gli mancano trenta per fare trentuno
23 I nnemale senza diente  vonne vedè u patrone senza niente Gli animali senza denti, vogliono vedere il padrone senza niente
24 I solde appìzzechene mmane e sante I soldi appiccicano in mano ai santi
25 I solde de l'aute se mesùrene a mezzette I soldi degli altri si misurano col mezzetto
26 I solde fanne venì a viste e cecate I soldi fanno venire la vista ai ciechi
27 I solde nne zò de chi s'i stente, so de chi s'i gode I soldi non sono di chi se li stenta, sono di chi se li gode
28 I solde s'accumpàgnene che l'àuti solde I soldi si accompagnano con gli altri soldi
29 I ternise d'u carrucchiane,  s'i mange u sciambagnone I soldi dell'avaro, se li mangia lo spendaccione
30 Me credeve ca mureve,  m'agge fenute che teneve Credevo di morire, ho sperperato quello che avevo
31 Meglje poche ca niente Meglio poco che niente
32 Nne ce stà pane senza pane Non c'è pane senza pene
33 Nne ce stà puvertà senza defitte Non c'è povertà senza difetti
34 Nn'è mule de mezzamesure! Non è mulo di mezza misura!
35 Nne tene manghe l'uocchje pe chiange Non ha neanche gli occhi per piangere
36 Oggn'acqua leva secche Qualsiasi acqua toglie la sete
37 Oggne prèdeche, fenisce a denare Ogni predica, termina con la richiesta di denaro
38 Pe mancanze de pane perute, se spòsene zjane e nepute Per mancanza di pane mucito, si sposano zii e nipoti
39 Pe nu papagne, u puorche zumbave na supale Per un papavero, il maiale saltò la siepe
40 Pòvere è sckitte chi ave besugne Povero è solo chi ha di bisogno
41 Puvertà nne uaste gentelezze Povertà non guasta gentilezza
42 Quante une s'è agghiustate, scìnne ca sì arrevate Quando uno si è sistemato, scendi che sei arrivato
43 Quante u puorche jè sazje, capevote u javetone Quando il maiale è sazio, capovolge il trògolo
44 Rasce de nùzzele, carestje de stòzzere Abbondanza di noccioli-di frutta- carestia di pane
45 Senza solde nne ze canta messe Senza soldi non si canta messa
46 So predeche senza denare Sono prediche senza denaro
47 Steve bbuone, pestà meglje so muorte Stavo bene, per stare meglio sono morto
48 Stipe serpinte, nne stipe maje niente Conserva serpenti, e non conserverai mai niente
49 Tante pòvere marenare, tante ricche pescatore Tanto povero marinaio, quanto ricco pescatore
50 Terre pe quante scupre, case pe quante cupre Terreni per quanto riesci a vederne, case per quanto riesci a costruire
51 Trippa chiene ne crede o dejune Chi ha la pancia piena, non crede a chi è digiuno
52 Troppe lusse te rompe u musse Troppo lusso ti rompe il grugno
53 Tu vuoje mazze e cazze Tu vuoi i soldi e startene a casa
54 Uocchje chjne e mane vacante Con gli occhi pieni e le mani vuote
55 U pezzende ca torne spisse, te vole vedè cum'a isse Il pezzente che torna spesso, ti vuol vedere come lui
56 U Patraterne manne u pane a chi nne tene dinte Il Padreterno manda il pane a chi non ha denti
57 U puorce c'a spiga mmocche Il maiale con la spiga in bocca
58 U pòvere campe a lu ricche e u ricche campe a lu pòvere Il povero fa campare il ricco ed il ricco fa campare il povero
59 U pòvere pezzende perde a messe e iasteme i sante Il povero pezzente perde la messa e bestemmia i santi
60 U supirchje rompe u cupirchje Il dì più rompe il coperchio
61 Và che quille meglje de te e facce i spese Va con quelli migliori di te ed offri tù
62 Và che na mane annanze e n'àute addrete Va con una mano davanti e l'altra di dietro
63 Vale cchiù esse ricche de sanghe ca de ternise Vale di più essere ricchi di sangue che di soldi

Ultimo aggiornamento Martedì 17 Dicembre 2013 05:32